Alcune considerazioni da “I Sabati delle Lanterne”

Dato che le somme si tirano sempre al termine dei lavori, in questa prima nota voglio portare alcune considerazioni di carattere organizzativo che penso utili anche per future simili iniziative da organizzare a Langhirano.

Un amico mi ha tacciato di eccessiva critica con un limitato numero di proposte. Anche se non mi sembra vero, qui voglio condividere una idea che potrebbe essere stimolante.

Nell’allestire la manifestazione “I Sabati delle Lanterne” ho potuto appurare alcune mancanze a livello logistico su cui si dovrebbe riflettere, anche in previsione del“Festival del Prosciutto” che si terrà solo fra meno di 3 mesi.
Devo subito precisare che molte, se non tutte, le richieste inoltrate all’amministrazione hanno trovato risposta favorevole e che le mie considerazioni a seguire, prendono sputo da quanto altri comuni a noi limitrofi, e con cui mi trovo spesso a collaborare, hanno saputo proporre con il tempo.

Quello che ho notato sono carenze strutturali congenite, e riassumibili nella mancanza di:
– Punti di allaccio luce;
– Tenso-strutture (gazebo) a disposizione delle associazioni che ne possono fare richiesta.

Mi spiego meglio.

Trovo assurdo che i punti di allaccio a punti energetici siano così pochi all’interno del paese, tanto che sono gli stessi negozianti a dare corrente agli ambulanti che hanno accettato di partecipare alla manifestazione.
Se questo potrebbe ancora andare bene per la serata dei “Sabati” molto meno per un fine-settimana come quello del “Prosciutto” dove ci sarà, nuovamente, da allestire degli allacci volanti da smantellare a programma concluso.
Ora, io non ho idea di quanto potrebbe costare un ampliamento delle prese (costo per le postazioni, costi fissi di gestione, lavori di muratura e/o asfaltatura); penso però che nel tempo si ripaghi rispetto a richieste temporanee di aumenti di portata, oltre che per i servizi che si andrebbero ad offrire.

Gazebo. Per i “Sabati” i commercianti si sono organizzati e ognuno di loro si è fatto carico di una struttura che è poco più di un usa e getta.
Mi chiedo se non sarebbe il caso che fosse l’Amministrazione a farsi carico dell’acquisto di una serie di gazebo seri da affittare/prestare alle associazioni che ne facessero richiesta.
Pensate che bello poter vedere la piazza o le vie del paese allestiti con strutture rosse e grigie, .
In questo modo si potrebbero organizzare manifestazioni molto interessanti, in quanto si potrebbe invitare delle realtà esterne offrendo loro la parte strutturale che dovrebbero solo riempire (ho anche già in mente un paio di iniziative).

Cosa ne pesate?
So long
Andrea

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...