30 agosto 1998 – 30 agosto 2018

#Pensierisparsi, venerdì 31 agosto 2018

… e ieri mi sono dimenticato di che giorno fosse.

Troppa confusione e il non stare bene me lo hanno fatto passare come un giorno qualsiasi. Ma ieri non era un giorno qualsiasi.

Ieri sono stati vent’anni da quando te ne se andato. Tu non l’hai mai saputo, ma sei anche il motivo più intimo del mio odiare certi vizi, certe dipendenze, del mio non sopportarli, del mio starci lontano, del mio provare “disgusto” anche quando qualcuno a cui tengo ne “soffre”. Continua a leggere

Annunci

Self Defence – portfolio forse in progress

Alcune settimane fa mi sono trovato a fotografare, su richiesta dell’amico Francesco Schianchi, una sessione di allenamento alla tecnica di combattimento chiamata Krav Maga. A loro servivano foto da utilizzare per uno spazio internet e io avevo voglia di divertirmi un po’.
Continua a leggere

Il sognatore

copertina del racconto

Scarica il racconto in versione PDF

Scarica il racconto in versione EPub

Attorniato dai palazzi, il parco era uno dei pochi angoli verdi e tranquilli della città. Al centro sopravviveva una enorme quercia alla cui ombra si riparavano da sempre i bambini nelle estati torride e afose.

Maya aveva sempre trovato pace nel dondolarsi sulle altalene fissate ai suoi rami. Trovava così la sua tranquillità sin da bambina e anche ora da giovane donna, gli attimi sereni li sentiva seduta sull’asse di legno mentre stringeva forte le robuste corde e guardava il sole tramontare dietro all’alto caseggiato in cui viveva, con la sua camera da letto all’ultimo piano che gli permetteva ogni mattina di vedere la vecchia pianta.

A fianco aveva Will, il suo migliore e misterioso amico. Era entrato nella sua vita un poco alla volta. L’aveva conosciuto proprio nel parco. Era seduto sulla sua altalena preferita una sera che era arrivata tardi e le stelle già punteggiavano il cielo. Da allora, ogni volta che rientrava a casa ed entrava nel parco per la sua mezz’ora di libertà, lui era lì. Continua a leggere

Liberi di essere – Folletti

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

#PensieriSparsi, sabato 12 maggio 2018

“La clown-terapia è l’uso delle tecniche del clown e del circo a favore di chi soffre un disagio , psichico o sociale in corsia d’ospedale, in che di riposo o in comunità psichiatriche. Il Buon umore e il ridere possono essere considerati una terapia”.

Questo era il testo introduttivo stampato su un volantino distribuito dall’associazione “I Folletti” che un mese fa Cy stava leggendo, la promozione di un “Corso di formazione per Clown di corsia”. Un corso che io, ora, difficilmente farei.

Si teneva il fine settimana del mio compleanno, giorni che normalmente sfruttiamo per passare del tempo insieme, io e lei. Quest’anno no. Continua a leggere

Io non ho finito – Folletti League

IMG_3955

#PensieriSparsi, domenica 8 aprile 2018

L’intenzione era di scrivere queste righe all’indomani della serata in cui io e chi aveva partecipato a questa splendida esperienza, abbiamo illustrato il progetto finito a tutti i soci del circolo fotografico “Renato Brozzi”  e dell’Associazione “La casa dei Folletti” che non avevano potuto partecipare.

La serata si era tenuta il 19 febbraio 2018 e io ne scrivo ora, quasi due mesi dopo, perché ho sempre bisogno di lasciare decantare le emozioni per poterne scrivere con un minimo di raziocinio, per selezionare gli attimi e poterli raccontare.

Ricordo che alla mattina successiva mi ero svegliato stanco e svuotato, la testa senza idee e una scarsa capacità di concentrazione. In testa un solo pensiero: la sera antecedente il progetto “Folletti League” era arrivato a quello che per me era l’unico finale possibile.

Durante quelle due ore avevo visto negli occhi delle persone intervenute, degli amici presenti, tutta l’emozione che alcuni di noi avevano avuto la fortuna di vivere realmente.

Il progetto “Folletti ed Eroi” che ora è ufficialmente “Folletti League” è arrivato a me per caso e per amicizia.  Continua a leggere

Cinque ore e mezza

IMG_3568

#DiariodiBordo, data terreste 18 febbraio 2018

Ore 5,20. Mi sono svegliato di soprassalto con in mente una sola immagine: Lago Santo.

Ore 6,30. Suona la sveglia per Cy, deve andare a lavoro e io nell’ultimo ora ho continuato a pensare a quell’immagine. Le preparo come sempre la colazione e lei se ne va per il suo turno che terminerà alle 13.00, mentre io continuo ad avere quella immagine e quella voglia di andare. Continua a leggere

“Correre… a passo lento” – in mostra alla Biblioteca Comunale di Lesignano Bagni (PR)

E7C9E672-6C46-48EC-A95C-A5934AB77780

Ciao a tutti!!!
è con grande piacere che vi comunico che la Biblioteca Comunale di Lesignano de’ Bagni (PR) e l’Associazione Anziani mi offrono la possibilità di esporre “Correre… a passo lento”, compendio di alcuni miei progetti fotografici all’interno dei loro spazi espositivi. Continua a leggere