“Bornisi” – audiovisivo corto

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Uno dei pochi progetti fotografici che sono riuscito a realizzare quest’anno è composto da una serie di fotografie scattate durante una serie di spettacoli teatrali del gruppo “El Bornisi” basati sull’opera “Il malato immaginario” di Molierè.

Quello che segue è un audiovisivo realizzato per un concorso interno tra soci del Circolo Fotografico “Renato Brozzi”che ha nel numero massimo di 12 fotografie l’unico limite espressivo.

Ora attendo con curiosità i vostri commenti.

so long
A.

Annunci

La neve sull’anima

IMG_9277

Scarica il racconto in versione PDF

Scarica il racconto in versione EPub

Ho sempre amato l’inverno per l’intimità che porta con sé.

In inverno si cerca con ogni forza di scaldarsi, di sfuggire al freddo dell’aria grazie ad un maglione, a vestiti più pesanti, sotto ad un panno, con il tepore di un corpo vicino, rimanendo sdraiati sul divano con il camino acceso, una tazza di cioccolato fumante e là fuori, la nebbia e l’umidità che bussano inutilmente alla finestra. Le notti poi, portano vicinanza, sonni abbracciati, isole di calore circondate da coperte fredde.

In estate è diverso, si fa di tutto per trovare refrigerio, ma non è mai abbastanza, i vestiti non sono mai sufficientemente leggeri, le coperte soffocanti e lui è appiccicoso. Continua a leggere

Gonzaga Comics & Games 2018- immagini

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Un sabato di dicembre ad accompagnare mio figlio al “Gonzaga Comics & Games 2018” . Alcuni momenti di luce buona e ogni tanto la voglia di provare a sfruttarla.

So long
A. Continua a leggere

“El Bornisi” – in mostra al Tema Sport di Traversetolo

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ciao a tutti!!!
è con grande piacere che vi comunico che il negozio Tema Sport di Traversetolo  (Parma) mi offre per il 5° anno la possibilità di esporre delle immagini all’interno dei suoi locali. Quest’anno è la volta del progetto fotografico, ancora in fase embrionale,  “El Bornisi” .

In occasione della manifestazione “AutunnoFotoBrozzi 2018 – Autori in vetrina”, a partire da sabato 10 novembre saranno visibili 8 fotografie in bianconero che costituiranno un lavoro da completare nei prossimi mesi e dedicato ad una serie di spettacoli teatrali realizzati dalla Associazione “El Bornisi”. Continua a leggere

30 agosto 1998 – 30 agosto 2018

#Pensierisparsi, venerdì 31 agosto 2018

… e ieri mi sono dimenticato di che giorno fosse.

Troppa confusione e il non stare bene me lo hanno fatto passare come un giorno qualsiasi. Ma ieri non era un giorno qualsiasi.

Ieri sono stati vent’anni da quando te ne se andato. Tu non l’hai mai saputo, ma sei anche il motivo più intimo del mio odiare certi vizi, certe dipendenze, del mio non sopportarli, del mio starci lontano, del mio provare “disgusto” anche quando qualcuno a cui tengo ne “soffre”. Continua a leggere

Self Defence – portfolio forse in progress

Alcune settimane fa mi sono trovato a fotografare, su richiesta dell’amico Francesco Schianchi, una sessione di allenamento alla tecnica di combattimento chiamata Krav Maga. A loro servivano foto da utilizzare per uno spazio internet e io avevo voglia di divertirmi un po’.
Continua a leggere

Il sognatore

copertina del racconto

Scarica il racconto in versione PDF

Scarica il racconto in versione EPub

Attorniato dai palazzi, il parco era uno dei pochi angoli verdi e tranquilli della città. Al centro sopravviveva una enorme quercia alla cui ombra si riparavano da sempre i bambini nelle estati torride e afose.

Maya aveva sempre trovato pace nel dondolarsi sulle altalene fissate ai suoi rami. Trovava così la sua tranquillità sin da bambina e anche ora da giovane donna, gli attimi sereni li sentiva seduta sull’asse di legno mentre stringeva forte le robuste corde e guardava il sole tramontare dietro all’alto caseggiato in cui viveva, con la sua camera da letto all’ultimo piano che gli permetteva ogni mattina di vedere la vecchia pianta.

A fianco aveva Will, il suo migliore e misterioso amico. Era entrato nella sua vita un poco alla volta. L’aveva conosciuto proprio nel parco. Era seduto sulla sua altalena preferita una sera che era arrivata tardi e le stelle già punteggiavano il cielo. Da allora, ogni volta che rientrava a casa ed entrava nel parco per la sua mezz’ora di libertà, lui era lì. Continua a leggere